01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • Ascoli Time
  • Ascoli Calcio, tre anni fa l'indimenticabile pareggio con l'Entella nel ritorno playout che regalò la salvezza

Ascoli Calcio, tre anni fa l'indimenticabile pareggio con l'Entella nel ritorno playout che regalò la salvezza

di Redazione Picenotime

lunedì 31 maggio 2021

Esattamente tre anni fa l'Ascoli, dopo un campionato di Serie B assai tribolato, conquistò la salvezza allo stadio "Del Duca" grazie ad un pareggio a reti bianche nella sfida playout con la Virtus Entella che bissò il risultato della gara d'andata (bianconeri premiati per il miglior posizionamento in classifica nella regular season). Fu l'ultima gara ufficiale della gestione di Francesco Bellini, che dopo un mese e mezzo avrebbe ceduto la maggioranza delle quote societarie del club di Corso Vittorio Emanuele all'imprenditore romano Massimo Pulcinelli. Vi proponiamo tabellino, pagelle e highlights di quella gara giocata davanti ad oltre 10mila spettatori e le video interviste ai protagonisti di quell'indimenticabile serata. 

ASCOLI-VIRTUS ENTELLA 0-0  (31 Maggio 2018)

ASCOLI (3-5-2): Agazzi 6; Padella 6, Mengoni 6.5, Gigliotti 6; Mogos 7.5, Addae 6, Kanoute 6.5, Baldini 6 (53' D'Urso 6.5), Pinto 7 (78' Mignanelli 6); Clemenza 6 (92' De Santis sv), Monachello 6. A disposizione: Lanni, Perri, Florio, Martinho, Castellano, Parlati, Tassi, De Feo, Ganz. Allenatore: Cosmi 6.5

VIRTUS ENTELLA (3-4-1-2): Paroni 6.5; Pellizzer 6, Benedetti 6, Cremonesi 6 (77' Acampora 6); Gatto 5.5 (59' Icardi 6), Ardizzone 5.5, Troiano 5, Aliji 6 (51' De Luca 5.5); Crimi 5.5; Aramu 6, La Mantia 5. A disposizione: Iacobucci, De Santis, Belli, Ceccarelli, Brivio, Currarino, Llullaku, Di Paola, Petrovic. Allenatore: Volpe 5.5

Arbitro: Nasca di Bari 6

Assistenti: Dei Giudici e Fiore. Quarto uomo ufficiale: Margani. Addizionali: Aureliano-Marinelli

Spettatori: 10360 per 73028 euro di incasso

CLICCA QUI PER MOMENTI CHIAVE MATCH


Ascoli-Entella (31 Maggio 2018)

Ascoli-Entella (31 Maggio 2018)

© Riproduzione riservata

Commenti

Giovanni Gennaretti
lunedì 31 maggio 2021

Personalmente non vorrei più ricordare le salvezze estreme, comunque tutte le salvezze al momento che si ottengono sono belle, dopo tre giorni passano, il problema grosso è quello di ripeterle costantemente e sempre con gli identici meccanismi, ogni anno via l'allenatore, poi si cambia il ds e compagnia cantando, lo scorso anno così, quest'anno uguale, quando tutte le altre squadre gettano le basi x cercare giocatori x poi ufficializzare all'apertura del calciomercato, a noi o manca tizio o manca caio, poi rimaniamo con la difesa incompleta , x non dire degli altri reparti deficitari, purtroppo ormai è diventato un difetto di fabbrica tutta nostra, la difesa è in teoria il reparto che dura almeno qualche anno con gli stessi interpreti,proprio x affiatamento, così i due baluardi di centrocampo, che chi ci investe se li tiene fino e oltre al trentesimo anno d'età, noi invece andiamo x tentativi cercando l'uovo di Colombo, non voglio polemizzare, ma di chiunque sia il modo becero d' iniziare sempre questa tiritera e sempre nello stesso periodo, sarebbe ora di dire basta, ormai anche x convenienza è diventata anche questa una telenovela come se non bastassero quelle che già esistono, anche il tifoso più acerrimo prima o poi cambia sport, se così si può ancora chiamare. O tiempo passa e se ne va' qui' ancora nun se 'impara nu ca.....


Tony
lunedì 31 maggio 2021

NOI TIFOSI DOBBIAMO SOLO TIFARE E SOFFRIRE. DI COSTANTINO CE N'È STATO UNO E NON NE AVREMO ALTRI. SOFFRIREMO SEMPRE MA LO FAREMO DAGLI SPALTI, GRAN BELLA COSA. FACCIAMO COMPLIMENTI A CHIRICO', TRIPLETTA PER MANDORLINI.


wlf98
lunedì 31 maggio 2021

Concordo in pieno con Gennaretti, le altre squadre si stanno già muovendo per vedere chi possono acquistare, qui abbiamo ancoa una rosa da oltre 40 giocatori, compresi i rientri dai prestiti ed ancora non si sa che fine faranno... Ricominciare ogni anno è sempre controproducente, spero vivamente che Sottil abbia realmente firmato per la stagione 2021-22, perchè ancora, a parte la nota della società, l'allenatore non ha rilasciato dichiarazioni. E poi per Chiricò, abbiamo tutti visto che non è un giocatore da serie B, lo ha riconosciuto lui stesso in un'intervista appena lasciato Ascoli... E' un calciatore che fa sempre lo stesso gioco, in serie B i difensori ti capiscono dopo 2 minuti e non tocchi più palla... meglio lasciarlo al Padova, sinceramente....


In totale ci sono 6 commenti. Fai click sul pulsante per continuare la lettura o commentare l’articolo.