01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • Eventi e Cultura
  • Arte, la prestigiosa Galleria Umberto Di Marino sbarca ad Ascoli Piceno

Arte, la prestigiosa Galleria Umberto Di Marino sbarca ad Ascoli Piceno

di Elisa Mori

sabato 19 giugno 2021

Nel pomeriggio di ieri si è svolto il vernissage del secondo appuntamento, nell’ambito del format “Grandi Gallerie al Museo”, ideato dall’Associazione Arte Contemporanea Picena, presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” ad Ascoli Piceno.

Alberto Di Fabio, Visto da qui_A che punto siamo con le montagne, 2019, veduta del progetto alla Galleria Umberto Di Marino, foto di Danilo Donzelli


È la volta della prestigiosa Galleria Umberto Di Marino di Napoli, storica realtà nel panorama nazionale delle gallerie d’arte contemporanea, che vanta al suo attivo oltre venticinque anni di attività, prima a Giugliano e poi nel capoluogo partenopeo.


La galleria napoletana è oggi una vera e propria impresa di famiglia, che vede impegnati i fratelli Enzo e Giosuè, insieme al padre Umberto e alla madre, fortemente animati dalla volontà di costruire un personale e passionale percorso nei territori dell’arte contemporanea, aperti ai nuovi linguaggi, alle nuove formule visive nonché ad esponenti dell’arte nazionale e internazionale.

Ana Manso, Tomorrow’s weather, 2020, veduta della mostra alla Galleria Umberto Di Marino, foto di Danilo Donzelli


Un posto come un altro dove appendere il cappello è il titolo della rassegna che intende ripercorrere gli anni di attività della galleria, con una selezione di nomi autorevoli quali Elena Bajo, Marc Breslin, Yaima Carrazana, Jota Castro, Santiago Cucullu, Alberto Di Fabio, Eugenio Espinoza, Bruna Esposito, Luca Francesconi, Simon Fujiwara, Francesca Grilli, Satoshi Hirose, Mark Hosking, Francesco Jodice, Runo Lagomarsino, Ana Manso, Pedro Neves Marques, Gian Marco Montesano, Hidetoshi Nagasawa, Vettor Pisani, Marco Raparelli, André Romão, Giulio Scalisi, Eugenio Tibaldi, Vedovamazzei e Sergio Vega, che consentono di attraversare e investigare la contemporaneità in tutte le sue declinazioni.