01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • Eventi e Cultura
  • Ascolipicenofestival, appuntamenti di primavera con Quartetto Lyskamm e il pianista 'strano' Teo Tronico

Ascolipicenofestival, appuntamenti di primavera con Quartetto Lyskamm e il pianista 'strano' Teo Tronico

di Redazione Picenotime

giovedì 31 marzo 2022

Ascolipicenofestival, marchio consolidato di musica classica di qualità, apre una finestra primaverile di due giorni. Sabato prossimo 2 aprile, inizio alle ore 20,30, nell’auditorium “Emidio Neroni” in Rua del Cassero, è in programma un concerto di classica pura con il Quartetto Lyskamm , formazione di giovani musicisti milanesi considerata tra le più talentuose in assoluto e vincitrice di tanti premi. Domenica 3 aprile, invece, ore 19, sempre nell’auditorium “Emidio Neroni”, “Sfida alla tastiera. Roberto Prosseda vs Teo Tronico”. Per entrambi i concerti ingresso gratuito fino ad esaurimento posto. Obbligo di green pass e mascherina FFP2. Non è richiesta la prenotazione. I due appuntamenti costituiscono una sorta di anteprima del Festival internazionale di musica che si svolgerà a settembre, dal 4 al 27, organizzato dall’associazione culturale ascolipicenofestival, presieduta dalla prof.ssa Emanuela Antolini, con il sostegno di Ministero della cultura, Regione Marche, Comune di Ascoli Piceno e Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno e con la collaborazione della Cia (Confederazione Italiana Agricoltori).

La musica torna a portare un po’ di leggerezza in un periodo tanto difficile. Il concerto di sabato è realizzato in collaborazione con il network regionale “Marche Concerti”, voluto dalla Regione Marche, al quale da quest’anno ha aderito anche ascolipicenofestival, che vede insieme istituzioni musicali prestigiose come Appassionata di Macerata, Ente Concerti di Pesaro e Società Amici della Musica “Guido Michelli” di Ancona.

Il Quartetto Lyskamm esegue brani di Haydn (quartetto per archi n. 35 in fa minore op. 20 n. 5), Mozart (Quartetto per archi n. 13 in re minore K 173) e Mendelssohn (Quartetto per archi n. 2 in re maggiore op. 44 n. 3).


La formazione è composto da Cecilia Ziano (violino), Clara Franziska Schötensack (violino), Francesca Piccioni (viola) e Giorgio Casati (violoncello).

Fondato nel 2008 al Conservatorio di Milano, il Quartetto Lyskamm ha pubblicato nel 2019  in esclusiva con la rivista Amadeus il primo cd registrato contenente il quarto e il sesto quartetto di Béla Bartók ripubblicato con l’etichetta NovAntiqua Records.

Ha ricevuto il secondo premio ed il premio speciale Pro Quartet al concorso internazionale Franz Schubert und die Musik der Moderne di Graz, il premio Vittorio Rimbotti dell’ Accademia Europea del Quartetto, il premio della Jeunesse Musicale Deutschland, la borsa di studio della Ad Infinitum Foundation ed il primo premio al concorso della Possehl Stiftung di Lubecca. Ha vinto nel 2017 il primo premio al Gianni Bergamo Classic Music Award di Lugano.
Il Quartetto Lyskamm è stato ospite di numerose società concertistiche in Italia e in Europa . Ha collaborato in quintetto con Mario Brunello, Gabriele Carcano, Simone Rubino e con l’attore Giuseppe Cederna in uno spettacolo dedicato a Franz Schubert e Giacomo Leopardi. Dal 2014 è impegnato nei progetti di circuitazione promossi, in Italia e in Europa, dal Cidim (Comitato Nazionale Italiano Musica). Nella formazione dell’ensemble sono stati incontri importanti quelli con il Quartetto Artemis presso l’Università delle Arti di Berlino e con i docenti Hatto Beyerle, Johannes Meissl, Ferenc Rados, Claus Christian Schuster, Eberhardt Feltz e il Cuarteto Casals. Il Quartetto Lyskamm ha proseguito il proprio perfezionamento sotto la guida di Heime Müller presso l’università di Lubecca conseguendo il Master in musica da camera.

Arriva ad Ascoli un pianista speciale, unico, che ha colto successi in tutto il mondo. Soprattutto è un pianista “strano”, non come quelli che vediamo di solito nelle sale da concerto vestiti. Si chiama Teo Tronico. Non è un essere umano. E’ un robot pianista, ideato e progettato da Matteo Suzzi e realizzato dalla Start-Up TeoTronica di Imola. Ha 53 dita azionate da elettromagneti pilotati dinamicamente in grado di abbassare con varie gradazioni i tasti di qualsiasi pianoforte acustico. Con l’aiuto di una scheda a microcontrollore, appositamente progettata, può leggere partiture musicali in formato digitale o Midi suonandole al pianoforte con un’aderenza letterale. E parla.

Teo Tronico, questo è il nome del robot, insieme al pianista umano Roberto Prosseda, un campione internazionale dei tasti bianchi e neri, è l’atteso protagonista del concerto, organizzato dall’associazione ascolipicenofestival, in programma alle ore 19 nell’auditorium “Emidio Neroni” della Fondazione Carisap in Rua del Cassero. Titolo dell’appuntamento: “Sfida alla tastiera. Roberto Prosseda vs Teo Tronico”. Concerto-sfida ma anche concerto-conferenza con ragionamenti sul rapporto tra fedeltà allo spartito e interpretazione creativa. Appuntamento adatto anche ai ragazzi. L’evento ha un indubbio valore didattico.

L’ingresso è libero. Chi vuole può cogliere l’occasione per diventare socio di ascolipicenofestival o contribuire liberamente al sostegno dell’associazione che organizza a settembre, ormai da 26 anni, il Festival internazionale di musica quest’anno ancora più ricco con il sostegno soprattutto di Ministero della cultura, Regione Marche, Comune di Ascoli Piceno e Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno . Al termine del concerto piccolo aperitivo con le specialità dei produttori Cia.

Dopo aver debuttato alla Philharmonie di Berlino con i Berliner Symphoniker, Teo Tronico ha sfidato Roberto Prosseda al Teatro Pavarotti di Modena, al Teatro Metastasio di Prato, alla Xing Hai Concert Hall di Guangzhou, alla Beijing Concert Hall di Pechino, al Seongnam Arts Center di Seoul e in tante altre sale.
Su Raitre è stato ospite di Stefano Bollani nella puntata inaugurale di “Sostiene Bollani”. La brasiliana Globo TV gli ha dedicato un reportage nell’ambito della trasmissione “Fantastico”. Si è esibito in Cina anche con Lang Lang.

Roberto Prosseda non ha bisogno di presentazione. Ha guadagnato una notorietà internazionale in seguito soprattutto alle sue incisioni Decca comprendenti, tra l'altro, l'integrale pianistica di Felix Mendelssohn in 10 CD. È vincitore di numerosi premi discografici. Viene continuamente invitato dalle più importanti orchestre. Oltre ad essere considerato tra i più autorevoli esecutori di Mendelssohn, è molto apprezzato anche per le musiche di Mozart, Schubert, Schumann. Roberto Prosseda è coideatore e coordinatore artistico della rete di musicisti "Donatori di musica", presidente dell'Associazione Mendelssohn Italia e coordinatore artistico di Cremona Music.

© Riproduzione riservata

Commenti