01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI

Ascoli, musica underground tra le rue con rapper ''Il Piceno''

di Redazione Picenotime

sabato 27 novembre 2021

Ascoli Piceno si conferma palcoscenico musicale prolifico per il genere hip-hop che scala classifiche e calamita il consenso del pubblico. Tra le proposte più interessanti del panorama locale emerge il rapper “Il Piceno” al secolo Andrea Cameli classe 1994, al suo secondo album “Pellerosa”, titolo evocativo che nasce dal parallelo tra la condizione generazionale e i nativi americani. Si tratta di nove tracce suggestive dal sapore underground, che spaziano veloci tra lo-fi hip hop e il rap creando un flow narrativo deciso e convincente.  

La musica del “Piceno”, e già il nome d’arte scelto lo testimonia, è un omaggio incondizionato ad Ascoli Piceno che assurge a palcoscenico di vita, amori, progetti e struggenti nostalgie sull’onda lunga delle emozioni e dei ricordi. Un mood, il legame profondo quasi simbiotico con la città delle cento torri, ben visibile nelle strofe “scolpite nel travertino” di questo rapper, voce graffiante e originale, a metà tra la vecchia e la nuova scuola. 

Mi sono avvicinato alla cultura hip hop all’età di 14 anni in particolare alla musica rap – racconta Andrea - sono rimasto affascinato dal fatto che racconti di “diversi mondi”, poi a 18 ho iniziato a scrivere testi per passione ma non avevo intenzione di pubblicare nulla, in seguito a 23 anni, conoscendo alcuni rapper del territorio, che mi hanno dato preziosi consigli e dritte, ho avuto l’input a pubblicare i miei testi, così nell’agosto 2020, dopo il lockdown, è uscito il mio primo ep dal titolo “Ap life”, disponibile sia in formato fisico che digitale. L’album, che è stato prodotto da Alex Accorsi in arte Bleach, contiene sei tracce, storytelling in note su vari temi, sensazioni ed incontri. Poi, nel 2021, ho realizzato il mio nuovo progetto “Pellerossa”, disponibile sulla piattaforma SoundCloud che mi ha dato ulteriori soddisfazioni e permesso di esplorare nuove sonorità e prospettive artistiche.”

Dunque ancora una voce emergente da tenere d’occhio per il futuro, pronta a riservare nuove sorprese e slanci creativi a dimostrazione che la nostra città, con le sue rue, le sue piazze, la storia millenaria sa affascinare le generazioni di ogni epoca, anche a tempo di rap.  


© Riproduzione riservata

Commenti