01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • Curiosità
  • Il dialogo cattolico-ortodosso e questione dell'uniatismo

Il dialogo cattolico-ortodosso e questione dell'uniatismo

di Redazione Picenotime

giovedì 03 giugno 2021

Negli anni ottanta del secolo scorso, la Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse giunse alla conclusione che i punti chiave per ristabilire la comunione tra le Chiese erano i temi di primato e conciliarità. Le fondamenta furono poste durante gli incontri di Monaco (1982), Bari (1987) e di Valamo (1988). In anni recenti, questi temi hanno suscitato di nuovo attenzioni speciali, anche da parte dell'opinione pubblica generale. Il tema viene elaborato sia a livello interno della Chiesa che negli eventi interreligiosi, in pubblicazioni giornalistiche specializzate di argomento teologico e religioso.

Di seguito c'è il testo di una lettera dell'Arcivescovo Job Getcha di Telmessos, rappresentante permanente del Patriarcato Ecumenico presso il Consiglio Ecumenico delle Chiese, indirizzata al Patriarca Bartolomeo, fornita da un collaboratore dell'Arcivescovo nella Chiesa Cattolica Romana. È davvero un documento prezioso, che riassume le sfide che le nostre Chiese affrontano e le opportunità uniche create da questo momento storico.

La posizione espressa nella lettera dall'Arcivescovo Job mostra come Costantinopoli voglia davvero sviluppare il dialogo con la Santa Sede e come condivida quali aree di lavoro della Commissione mista siano da considerare prioritarie per promuovere un ulteriore avvicinamento alla Chiesa Cattolica Romana. Tuttavia, questo percorso è stato ripetutamente ostacolato dalla Chiesa ortodossa russa, che ha spinto la questione del "proselitismo" sin da giugno 1990, in modo da minare l'agenda costruttiva programmata, ovvero la discussione dei temi di conciliarità e autorità nella Chiesa. E nemmeno l'approvazione nel 1990 e 1993 dei relativi documenti che condannano l'uniatismo come modello per ristabilire la comunione tra le Chiese ha impedito a Mosca di sollevare ripetutamente la questione.

L'Arcivescovo della Chiesa ortodossa russa, Hilarion Alfeyev di Volokolamsk, era tra quelli che più attivamente e costantemente hanno bloccato le attività della Commissione mista per il dialogo teologico. Nel 2000, 2005, 2007 e 2017 ha sollevato il problema dell'uniatismo, che era stato già risolto tempo fa, durante gli incontri della Commissione in modo da sabotare il dialogo.

Inoltre, dal 1990, la posizione distruttiva della Chiesa russa è stata promossa dai suoi satelliti: le Chiese di Antiochia, Serbia, Georgia, Bulgaria, Polonia e delle Terre Ceche e della Slovacchia. Allo stesso modo si erano opposte al Concilio di Creta del 2016.

Intanto, quando il Patriarcato Ecumenico concesse l'autocefalia alla Chiesa d’Ucraina e Mosca di conseguenza interruppe la comunione eucaristica con Costantinopoli, non avvenne solo l'allontanamento della Chiesa russa dal dialogo cattolico-ortodosso, ma si aprirono nuove opportunità per innescare il processo che era stato sabotato negli ultimi 15 anni.

Con l'istituzione della Chiesa Autocefala Ucraina e dopo la revoca della lettera Sinodale del 1686 del Patriarcato Ecumenico in cui si poneva la metropolia di Kiev sotto la giurisdizione della Chiesa Ortodossa Russa, quest'ultima anche se partecipava alla Commissione, non avrebbe più usato la "questione del proselitismo" per i suoi propositi distruttivi, poiché semplicemente questo problema non faceva parte del suo territorio canonico. Lo stesso vale per molte delle Chiese satelliti usate da Mosca nelle sue attività sovversive.

Per quanto riguarda l'uniatismo, l'Arcivescovo Job rappresenta il Patriarcato di Costantinopoli e ovviamente supporta il pensiero maturato da tempo dal Cardinale Kurt Koch, che è stato ribadito più volte all'Arcivescovo Hilarion: affrontare questo tema direttamente in Ucraina, per esempio, creando una commissione mista locale sotto l'egida del Vaticano e di Costantinopoli.

Quindi, se adesso rappresentanti della Chiesa Autocefala Ucraina fanno parte della Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica romana e le Chiese ortodosse orientali, i lavori della Commissione non subiranno rallentamenti, poiché la Chiesa russa non vi partecipa, ma al contrario saranno più celeri. Contribuendo con un'opinione indipendente sui rapporti con le Chiese cattoliche orientali in base alla propria esperienza, la Chiesa Autocefala Ucraina, anche se non elimina completamente dall'agenda della Commissione le eventuali pretese delle forze pro Mosca in quest'area, potrà almeno costruire un vantaggio rispetto a chi si oppone al ripristino dell'unità dei cristiani.

Forse, il fatto che l'attuale difficile e persino critica situazione ha creato un'opportunità favorevole è una sorta di "ricompensa" insperata per le prove affrontate e per il consolidamento della fede; un conforto da parte di Dio. Dopotutto, se si riconosce e coglie questa opportunità, anche una possibile sconfitta o un temporaneo dissidio nelle relazioni della Chiesa, contribuiranno a una maggiore unità, spalancando le porte a nuove esperienze e a un reciproco arricchimento e sviluppo spirituale.

ARCHEVÉQUE JOB DE TELMESSOS

13 Νοεμβρίου 2020

Τῆ Αὐτοῦ  Θειοτάτη Παναγιότητι

τῶ Οἰκουμενικῶ Πατριάρχη

Κυρίω κυρίω Βαρθολομαίω

Εἰς Φανάριον

Παναγιώτατε Πάτερ καἰ Δέσποτα,

 

Il mio insegnamento agli studenti di Chambésy sul nostro dialogo bilaterale con la Chiesa cattolica romana mi ha permesso di rendermi conto che il lavoro della commissione mista internazionale è andato sulla buona strada sin dal suo inizio, secondo quanto era stato fissato in il piano di Rodos nel 1980. Tuttavia, è interessante notare che dopo dieci anni di euforia (1980-1990), questo lavoro è stato disturbato, e persino interrotto, per quindici anni a causa della questione dell’Uniatismo (1990-2005). Anzi, invece di lavorare sul tema delle “Conseguenze ecclesiologiche e canoniche della struttura sacramentale della Chiesa. Conciliarità e autorità nella Chiesa”, che ha seguito la logica continuazione dei documenti di Monaco (1982), Bari (1987) e Valamo (1988), la sessione plenaria di Freising del giugno 1990 si è dovuta occupare al posto della “Proselitismo uniato”. È stato solo con la ripresa dei suoi lavori nel 2005 che la commissione ha ripreso il suo corso normale occupandosi di ciò che era stato originariamente pianificato per la plenaria di Freising: la questione della conciliarità e dell’autorità nella Chiesa, o in altre parole, di primato e sinodalità - che è oggetto dei documenti di Ravenna (2007) e Chieti (2016), e che è ancora oggetto del lavoro corrente (primato e sinodalità nel secondo millennio e oggi).

Certo, l’interruzione nel 1990 del normale corso dei lavori, secondo il piano di Rodos, è legittimamente spiegata dal restauro, dal 1987, delle due più importanti Chiese greco- cattoliche – quella dell’Ucraina e della Romania, in connessione con la caduta del regime sovietico.

Tuttavia, è interessante notare a Freising una situazione simile a quella del Santo e Grande Concilio di Creta nel 2016. Infatti, mentre tutte le Chiese locali avevano assicurato al Patriarca Dimitrios della loro presenza a Freising. cinque di loro alla fine erano assenti: il Patriarcato di Antiochia e le Chiese di Serbia, Bulgaria, Polonia e Cecoslovacchia - i ben noti satelliti della Chiesa di Russia! Tuttavia, queste cinque Chiese non erano direttamente preoccupati dalla questione dell’uniatismo che poi ha colpito le Chiese di Russia (in Ucraina) e di Romania, che però erano presenti! Va quindi notato che la Chiesa di Russia utilizza sempre gli stessi mezzi, cioè i suoi “satelliti”, per distruggere le iniziative della Chiesa Madre volte all’unità della Chiesa. Per questo mi sembra che la questione dell’Uniatismo sia stata strumentalizzata dalla Chiesa di Russia per rallentare questo dialogo bilaterale, guidato dalla Madre Chiesa, e anche per minarlo.

A mio avviso, la questione dell’Uniatismo è stata trattata in modo soddisfacente dai documenti di Freising (1990) e Balamand (1993) che condannano l’uniatismo come metodo e modello per ristabilire la comunione tra le nostre Chiese, e questo, indipendentemente dalle opinioni che possono essere state espresse da individui, o anche da Chiese locali. Tuttavia, a causa dell’insistenza ortodossa, la questione dell’uniatismo ha continuato a monopolizzare il lavoro della commissione per sette anni - dalla plenaria di Balamand (1993) fino alla plenaria di Baltimora (2000), che doveva affrontare le implicazioni ecclesiologiche e canoniche dell’Uniatismo, e che si è rivelato un fiasco totale, tra l’altro a causa degli interventi del noto rappresentante della Chiesa di Russia, Hilarion Alfeyev. Di conseguenza, il dialogo è stato completamente bloccato per cinque anni. Grazie alle iniziative della Chiesa Madre, i lavori della Commissione sono ripresi nel 2005, riprendendo il loro normale corso studiando la questione fondamentale del primato e della sinodalità. Ma ancora una volta, durante la plenaria a Ravenna (2007), i lavori sono stati sabotati dallo stesso rappresentante della Chiesa di Russia, Hilarion Alfeyev, e la delegazione russa ha poi lasciato la plenaria, che ha portalo al rigetto del documento di Ravenna dalla Chiesa di Russia. La plenaria di Chieti (2016), alla quale ho partecipato per la prima volta come copresidente ortodosso, si è svolta generalmente normalmente, a parte le obiezioni di Hilarion Alfeyev alla mia co-presidenza. Dopo Chieti, mentre il comitato di coordinamento discuteva gli ulteriori lavori della commissione a Leros nel 2017, lo stesso rappresentante della Chiesa di Russia, Hilarion Alfeyev, ha chiesto che la commissione riprenda a esaminare la questione dell’Uniatismo! Quest’ultimo, tuttavia, ha accettato la mia proposta che la questione dell’Uniatismo non dovrebbe essere esaminata da sola, in modo crudo, ma all’interno di un tema più globale, vale a dire, la questione del primato e della sinodalità nel secondo millennio, a cui si’riferisce direttamente e di cui è conseguenza. Ѐ stato acquisito. Tuttavia, dall’invio degli esarchi del Patriarcato ecumenico in Ucraina nell’ottobre 2018, la Chiesa russa non partecipa più ai lavori della commissione, come fa a qualsiasi altre iniziative pan-ortodosse sotto l’egida della Chiesa Madre.

Ѐ importante sottolineare che l’autocefalia della Chiesa d’Ucraina concessa dalla Chiesa Madre nel novembre 2018 apre nuove prospettive alle relazioni cattolico-ortodosse. Innanzitutto, sarà abbastanza normale includere in futuro i rappresentanti della Chiesa d’Ucraina nella commissione, e dobbiamo prevederlo. Certamente, è ipotizzabile che la loro presenza provochi l’assenza della Chiesa di Russia, proprio come a Ravenna nel 2007, per la presenza della delegazione della Chiesa d’Estonia. Ma di fatto, la Chiesa di Russia è già assente dai lavori della commissione dall’ottobre 2018! Senza dubbio, la Chiesa di Russia, come al solito, userà i suoi “satelliti” per fare pressione sulla commissione e sabotare il suo lavoro – vale a dire i Patriarcati di Antiochia e della Georgia, e le Chiese di Serbia, Polonia e dalla Repubblica Ceca e dalla Slovacchia (la Chiesa di Bulgaria non partecipa più ai lavori da Freising (1990)!)...

Penso che la presenza della Chiesa d’Ucraina metterà fine alle rivendicazioni della Chiesa di Russia sulla questione dell’uniatismo. In effetti, il problema dell’Uniatismo è un problema che d’ora in poi sarà rivolto alle Chiese di Ucraina e di Romania, e non alla Chiesa di Russia dove questo problema non si pone! Tuttavia, la Chiesa d’Ucraina ha ottimi rapporti con la Chiesa greco-cattolica d’Ucraina (la più grande Chiesa orientale sui iuris della Chiesa cattolica). Inoltre, i vescovi e il clero di queste due Chiese hanno persino l’abitudine di “concelebrare” le trisagia e dossologie durante le feste e le commemorazioni nazionali.

Il cardinale Kurt Koch aveva proposto, in numerose occasioni, al metropolita di Volokolamsk Hilarion Alfeyev che il problema dell’Uniatismo fosse affrontato non nel quadro della commissione mista internazionale, ma da una commissione locale bilaterale. Naturalmente, la Chiesa russa non ha dato seguito a questa proposta, poiché il suo interesse non è trovare una soluzione, ma creare problemi. Mi sembra che sia concepibile che in futuro la questione dell’Uniatismo sarà affrontata da una commissione mista locale in Ucraina, forse, sotto l’egida del Vaticano e della Chiesa Madre – che me sembra desiderabile. Per questo motivo, credo che il desiderio espresso in molte occasioni dall’Arcivescovo Maggiore Sviatoslav Shevchuk di riattivare il lavoro del Gruppo di studio della Chiesa di Kiev dovrebbe essere preso sul serio dal Patriarcato ecumenico e attuato.

Διατελῶ μετἀ βαθυτάτου σεβασμοῦ καὶ ἀφοσιώσεως, ἀσπαζόμενος τὴν Ύμετέραν Σεπτὴν Δεξιάν.

+ Ό Τελμησσοῦ Ίώβ