01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI

Fidal Marche: mezzofondo, progetto siepi per i Cadetti

di Redazione Picenotime

lunedì 16 agosto 2021

Nuove iniziative dal Comitato Fidal Marche per promuovere l’attività, in particolare nelle categorie giovanili. Il settore tecnico regionale ha sviluppato, nelle scorse settimane, una serie di proposte e tra queste c’è il “progetto siepi” che è rivolto ai 1200 siepi cadetti. Una specialità importante, per favorire una visione multilaterale e polivalente delle discipline del mezzofondo. In questa gara (senza riviera e con ostacoli da 76 centimetri) introdotta sette anni fa nel programma dei campionati italiani, le Marche hanno già vinto tre volte il titolo tricolore under 16: al maschile nel 2014 con Simone Barontini, al femminile nel 2015 con Emma Silvestri e nel 2019 con Serena Frolli. L’obiettivo è di incrementare il numero dei partecipanti, migliorare il livello e stimolare i tecnici. È stato quindi creato un circuito con due prove iniziali, svolte il 9 giugno ad Ancona e il 10 luglio a Recanati, grazie al supporto delle società che hanno organizzato i rispettivi meeting, la Sef Stamura Ancona e la Grottini Team Recanati. La terza tappa è prevista in occasione dei campionati regionali di categoria, in programma nel weekend 11-12 settembre a Pesaro.
Dopo le due gare disputate, al comando tra i cadetti Stefano Di Profio (Pol. Tethys Chieti) davanti a Stefano Bartoloni (Atl. Avis Macerata) e Leonardo Chiappini (Collection Atl. Sambenedettese), mentre in quella cadette al primo posto Sofia Romagnoli (Atl. Avis Macerata) che precede Martina Trisolino (Atl. Avis Fano) e Melissa Catana (Atl. Capanne Pro Loco Athletic Team). Nei ranking di società, al maschile la Polisportiva Tethys Chieti guida nei confronti di Collection Atl. Sambenedettese e Atl. Avis Macerata, invece al femminile l’Atletica Avis Macerata su Atl. Avis Fano e Atl. Capanne Pro Loco Athletic Team. La graduatoria combinata vede quindi in testa l’Atletica Avis Macerata, seguita da Pol. Tethys Chieti e Atl. Avis Fano.
 

© Riproduzione riservata

Commenti

Approfondisci