01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • Sport
  • Atletica
  • Atletica leggera, Tamberi apre un interessantissimo weekend di gare ad Ancona

Atletica leggera, Tamberi apre un interessantissimo weekend di gare ad Ancona

di Redazione Picenotime

giovedì 28 gennaio 2021

Cinque gare in meno di un mese per Gianmarco Tamberi. L’oro europeo indoor e primatista italiano dell’alto ha ufficializzato oggi la propria agenda di competizioni in vista degli Europei indoor di Torun (Polonia, 5-7 marzo). Prima della rassegna continentale nella quale si presenterà da campione in carica, “Gimbo” sarà impegnato ad Ancona sabato pomeriggio in diretta streaming su atletica.tv e poi martedì 2 febbraio a Banska Bystrica (Slovacchia), venerdì 5 a Nehvizdy, nei dintorni di Praga (Repubblica Ceca), mercoledì 17 a Torun sulla pedana degli Euroindoor e quindi nel weekend del 20-21 febbraio di nuovo ad Ancona per gli Assoluti indoor. Intanto al Palaindoor il debutto stagionale è fissato alle 17 di sabato 30 gennaio, senza pubblico, come previsto dalle attuali norme di contenimento del virus: “Gareggiare a porte chiuse per me è particolarmente strano perché la presenza del pubblico mi esalta tanto, ma ormai siamo abituati a questa situazione - le parole del saltatore azzurro che esordirà con il nuovo club dell’Atl-Etica San Vendemiano - La condizione generale è buona, fisicamente sto bene anche se non ho potuto fare il consueto stage invernale in Sudafrica. Dal punto di vista tecnico c’è ancora qualcosa da sistemare, ma i test serviranno anche a questo. Voglio arrivare agli Europei al meglio per onorare l’oro di Glasgow 2019”. In pedana con Tamberi sono annunciati anche Eugenio Meloni (Carabinieri), 2,20 di recente al Palaindoor, Nicholas Nava (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) e l’allievo Mattia Furlani (Studentesca Rieti Milardi).
CROSS: PARTITA LA NUOVA STAGIONE DA ANCONA
Prime sfide dell’anno anche per la corsa campestre, con la fase inaugurale del Campionato assoluto di società sul percorso intorno al campo Italico Conti di Ancona. Un ritorno in gara sui prati, seguendo il protocollo federale per l’attività “non stadia”: mascherina indossata per i primi 500 metri, nel giro interno, e atleti distanziati in partenza con segnaletica sul terreno. Nella prova senior di 10 chilometri a conquistare il successo è l’ascolano Stefano Massimi, da quest’anno in maglia Cus Camerino, con il tempo di 32’15” davanti a due portacolori dell’Atletica Potenza Picena: Dario Santoro e Luca Facchinetti, rispettivamente con venti e quaranta secondi di distacco, su un tracciato reso ancora più impegnativo dalla pioggia e dal fango. Poi quarto Marco Campetti (Cus Camerino, SM35) in 34’00”, invece Luigi Del Buono (Sef Stamura Ancona, SM40) si piazza quinto tra i marchigiani con 34’09” preceduto da Fabio Conti (Atl. Winner Foligno, 34’06”). Tra gli under 23 a livello regionale si impone Francesco Itto (Sef Stamura Ancona) che in 36’09” si lascia alle spalle Giacomo Fedeli (Cus Camerino, 36’33”) e Mamadou Barkinden Diallo (Atl. Avis Macerata), 38’10”.
Tra le donne, nella manifestazione organizzata dalla Sef Stamura Ancona, gara assoluta di 8 chilometri con il dominio della jesina Simona Santini (Atl. Amatori Osimo, SF40) in 30’03” per staccare di quasi due minuti Denise Tappatà (Sef Stamura Ancona, SF40), seconda in 31’56”, mentre chiude terza Michela Zandri (Atl. Avis Fano, 32’22”) seguita da Giuseppina Piccaluga (Atl. Ama Civitanova, 32’38”) e Lucia Burini (Sef Stamura Ancona, 33’56”). La prima promessa è Sofia Luciani (Team Atl. Marche) con 36’09”. Sulla stessa distanza impegnati anche gli juniores al maschile: Tommaso Ajello (Sef Stamura Ancona) in 28’06” riesce ad avere la meglio sul compagno di club Andrea Mingarelli (Sef Stamura Ancona, 28’11”) e Riccardo Piccioni (Asa Ascoli Piceno, 28’47”), quindi Francesco Doga (Sef Stamura Ancona, 29’08”) e Marco Ricci (Cus Camerino, 29’14”).
Cinque chilometri da percorrere per le under 20 in una prova che vede l’affermazione di Margherita Forconi (Atl. Avis Macerata). Pochi giorni dopo il record regionale di categoria sui 3000 indoor, la giovane mezzofondista brilla anche nel cross in 19’38” con oltre un minuto di vantaggio nei confronti di Agnese Rabinelli (Sef Stamura Ancona, 20’52”), più dietro Alice Spinsanti (Sef Stamura Ancona, 22’45”), la sangiorgese Lucia Crosta (Team Atl. Marche, 23’26”) e Anna Santarelli (Atl. Civitanova, 23’45”). Nella gara allievi, sempre di 5 km, Leonardo Storani (Atl. Avis Macerata) con 17’50” guadagna quasi un minuto su Jacopo Sanginesi (Atl. Civitanova, 18’56”), terzo Giulio Ciarrocca (Atl. Civitanova, 19’04”) che supera Marco Pallotta (Atl. Avis Macerata, 19’10”) e Niccolò Rossetti (Atl. Civitanova, 19’16”). Ancora per la categoria under 18, ma al femminile, quattro chilometri di gara in cui prevale Eva Luna Falcioni (Sef Stamura Ancona) con 15’55” e appena tre secondi su Virginia Bancolini (Sef Stamura Ancona, 15’58”), poi Marica Melatini (Atl. Ama Civitanova, 16’13”), Emma Baldoni (Atl. Avis Macerata, 16’15”) e Maria Albanesi (Sef Stamura Ancona, 17’28”). Il secondo appuntamento con la corsa campestre è in programma il 28 febbraio a Macerata, per la venticinquesima edizione del Cross Helvia Recina.
FERMO: PRIMI LANCI D’INVERNO
Ritorno in gara dei lanciatori a Fermo, nella prima prova regionale dei campionati invernali, e subito con risultati significativi. Tra i protagonisti c’è Emanuele Salvucci che all’esordio firma il record personale: una spallata a 65.21 per incrementare il proprio limite, realizzato poco più di un anno fa quando arrivò a 65 metri esatti. Notevole anche la serie per il 25enne dell’Atletica Avis Macerata, vincitore di due titoli italiani nelle categorie giovanili: oltre all’acuto, messo a segno al quarto tentativo, anche due spallate di poco inferiori con 64.17 alla terza prova e 64.79 alla quinta. Nella manifestazione organizzata dalla Sport Atletica Fermo, di nuovo in evidenza l’allieva Sofia Coppari (Atl. Fabriano) dopo le imprese da primato regionale nel peso indoor. Stavolta all’aperto, per spedire il disco a 39.85 sfiorando il record marchigiano under 18 che risale al lontano 1979 e mancandolo di appena sette centimetri, ma anche con il debutto nel martello a 44.63 sotto la pioggia. Tra gli uomini non gareggia il martellista Giorgio Olivieri (Carabinieri), bronzo europeo juniores, per un lieve fastidio alla caviglia sinistra avvertito in riscaldamento.
Nel giavellotto, al femminile, buona la prima anche per Gaia Ruggeri (Atl. Fabriano) con 39.68 a un soffio dal personale, mentre la sangiorgese Ilaria Del Moro (Team Atl. Marche) lancia a 37.23. Tornando alla sfida maschile dei giavellottisti, 54.93 dell’anconetano Gianluca Tamberi (Athletic Club 96 Alperia) e 48.74 del non ancora ventenne Luigi Casadei (Sef Stamura Ancona) all’indomani dei campionati paralimpici di Ancona dove si è spinto fino a 51.35, poi due portacolori del Team Atletica Marche: Cristian Teasa (47.82), promessa di Porto San Giorgio, e lo junior osimano Dennis Mengoni al personale di 45.31. Tra le donne quindi nel martello 38.20 di Vesna Braconi (Atl. Fabriano) e nel disco la 18enne Chiara Marangoni (Atl. Avis Macerata) avvicina il suo primato con 33.89. In chiave giovanile, a livello under 20, nel disco Massimo Ciferri lancia a 30.93 e nel martello Yousef Taib a 32.81, entrambi della Sport Atletica Fermo, invece nel disco allievi 30.80 di Sebastiano Pepa (Atl. Civitanova). Sarà l’impianto di San Benedetto del Tronto, il 7 febbraio, ad accogliere la seconda prova.



Gianmarco Tamberi

Gianmarco Tamberi

© Riproduzione riservata

Commenti