01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • Motori
  • Barcellona, Fenati prima rimonta e poi cede nel finale

Barcellona, Fenati prima rimonta e poi cede nel finale

di Redazione Picenotime

domenica 16 giugno 2013

È stato come un viaggio sulle montagne russe il Gran Premio di Catalogna per Romano Fenati, che ancora una volta non è riuscito a trovare continuità nell'arco della gara dopo qualifiche come al solito deludenti.

A Barcellona, sede della sesta tappa del Campionato Mondiale Moto3, il 17enne portacolori del Team Italia scatta dalla 22ª piazza ma va lungo alla seconda curva e finisce nelle ultime posizioni. Davanti prendono subito il largo i soliti noti (Salom, Vinales, Rins, Marquez, Miller, Oliveira e Vazquez), mentre Fenny inizia un'incredibile rimonta che in dieci giri lo vede arrivare addirittura all'ottavo posto.

Il centauro ascolano si mette in testa con sicurezza ad un gruppone composto da otto piloti e sembra poter gestire la situazione, ma nelle ultime due tornate il suo ritmo cala improvvisamente e si vede sorpassato da un numero ingente di avversari, con una deludente 15ª posizione finale sotto la bandiera a scacchi. Sul circuito di Montmelò è completo dominio spagnolo, con Luis Salom che brucia Alex Rins, Maverick Vinales, Alex Marquez ed Efren Vazquez.

La classifica iridata è ora guidata proprio da Salom con 127 punti, davanti a Vinales con 122, Rins con 101 e Folger (che non ha gareggiato per una frattura al braccio) con 63, mentre Fenati guadagna un solo punticino e raggiunge quota 18.

Ora ci sono due settimane di pausa e poi si tornerà a gareggiare Sabato 29 Giugno per il Gran Premio d'Olanda ad Assen, nella speranza che il tempio del motociclismo per eccellenza possa far ritrovare al nostro "Fenny Five" lo spunto vincente.

"Nel warm up abbiamo trovato la moto giusta per la gara ed infatti ho fatto diversi sorpassi - ha detto Fenati al termine della gara -. Potevo finire all'ottavo posto, ma nella bagarre finale ho perso qualche posizione. Peccato, ma sono consapevole che possiamo fare meglio. Dobbiamo solo lavorare. Ora andiamo ad Assen e ci impegneremo al massimo".

© riproduzione riservata