01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • News
  • Ascoli Piceno, dopo adesione a network nazionale ottenuta certificazione di 'Comune amico della famiglia'

Ascoli Piceno, dopo adesione a network nazionale ottenuta certificazione di 'Comune amico della famiglia'

di Redazione Picenotime

giovedì 02 dicembre 2021

Ascoli è un “Comune amico della famiglia”: dopo l’adesione all’omonimo network nazionale, l’Amministrazione comunale ora ha ottenuto il marchio “Family Friendly” che potrà essere utilizzato per evidenziare l’aderenza a questo progetto che guarda al benessere della famiglia attraverso l’adozione di politiche innovative in ambito pubblico.
Siamo molto soddisfatti di questo riconoscimento – ha detto il sindaco Marco Fioravantiperché da parte nostra c’è sempre stata grande attenzione nei confronti delle famiglie e questo marchio sarà per noi un ulteriore stimolo per la realizzazione di una politica familiare sempre più moderna, mettendo in campo servizi in grado di rispondere efficacemente alle esigenze e alle aspettative delle famiglie”.

Con il riconoscimento ottenuto, il Comune di Ascoli è stato iscritto nel Registro dei soggetti pubblici e privati certificati “Amici della famiglia”, segno distintivo dell’impegno concreto per garantire lo sviluppo e la diffusione di politiche di benessere familiare. “Questo titolo – ha aggiunto l’assessore alle politiche familiari, Massimiliano Brugniconferma la bontà delle azioni portate avanti dall’Amministrazione comunale su questa tematica. Un impegno certificato dal network nazionale e che permetterà di allargare gli orizzonti della nostra città in ambito di politiche familiari”.
Il marchio “Comune amico della famiglia” arriva a pochi giorni di distanza dall’approvazione, da parte della giunta comunale, del Piano degli interventi in materia di politiche familiari per il 2022/2023 e dall’istituzione della commissione interdisciplinare che avrà il compito di attivare un percorso di coinvolgimento delle associazioni familiari, visti come interlocutori privilegiati rispetto alle politiche comunali.



© Riproduzione riservata

Commenti