01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • Ascoli Time
  • Ascoli Calcio, Sottil: “Siamo a buon punto ma si può sempre far meglio. Con Dionisi rapporto ottimo e trasparente”

Ascoli Calcio, Sottil: “Siamo a buon punto ma si può sempre far meglio. Con Dionisi rapporto ottimo e trasparente”

di Redazione Picenotime

giovedì 07 ottobre 2021

L'allenatore dell'Ascoli Andrea Sottil, dopo aver raccolto 13 punti nelle prime 7 gare del campionato di Serie B 2021/2022, è stato intervistato da SuperNews in vista del prossimo match con il Lecce in programma Sabato 16 Ottobre alle ore 14 allo stadio "Del Duca".

Andrea, da dicembre 2020 sei sulla panchina dell’Ascoli. Cosa ti ha convinto del progetto di questo club per firmare e rinnovare il contratto fino al 2023?
"Sono approdato ad Ascoli per la storia del club, perché questa è una panchina prestigiosa. Dopo l’esperienza al Pescara, Ascoli mi ha dato l’opportunità di continuare ad allenare e di farmi conoscere in Serie B. Inoltre, ho sempre creduto che il livello tecnico-qualitativo della squadra non rispecchiasse il posto che occupava in classifica. Non voglio screditare il lavoro di nessun mio predecessore, ma io vedevo grandi potenzialità in quel gruppo. Nonostante le difficoltà, il direttore Ciro Polito mi ha voluto, ha puntato su di me insieme al patron e a tutto lo staff, e questo ha permesso di realizzare qualcosa di davvero importante e complicato. Dall’esterno, in pochi credevano in un risultato simile, ma noi ci abbiamo sempre creduto. Ho scelto di rinnovare con l’Ascoli prima di tutto per la grande stima che il patron ha dimostrato nei miei confronti e per la volontà di continuare questo progetto insieme a me. In secondo luogo, perché avremo modo di ripartire da una base di calciatori consolidata, fondamentale per me per dare seguito al progetto tecnico-tattico. Tutto l’ambiente e lo staff è molto compatto, e questo per me fa la differenza più di tutto il resto".

Attualmente l’Ascoli è 5° in classifica a 13 punti. In queste prime giornate avete raccolto 4 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte. Che ne pensi di questo primo risultato?

"Si può sempre far meglio. Quest’anno abbiamo acquistato tanti giocatori nuovi, che per diverse dinamiche sono arrivati in ritardo, e abbiamo dovuto attendere l’inserimento di questi ultimi all’interno dell’ambiente Ascoli. Inoltre, abbiamo avuto delle difficoltà già nel ritiro, iniziando la stagione subito con un nostro tesserato positivo al Covid, e questo non ci ha permesso di svolgere un pre-campionato come noi volevamo. Ci siamo allenati per gruppi e con la squadra incompleta. Alla luce di tutto questo, per tutto quello che abbiamo fatto fino ad ora credo che il nostro sia un percorso in crescita. Adesso approfittiamo di questa sosta per recuperare la condizione fisica e per perfezionare la conoscenza tecnico-tattica della squadra. Siamo a un buon punto".

 L’Ascoli sotto la tua guida arriva alla seconda sosta per le Nazionali con 13 punti in classifica in 7 gare, ed è dal 2015 che non conquistava così tanti punti dopo le prime 7 partite di campionato. E’ un record che merita di essere celebrato…

"Non sono particolarmente attento ai record e alle statistiche. Mi fa piacere, ma quello che interessa a me è preparare al meglio la squadra, renderla competitiva in ogni gara e cercare di giocarsela sempre con tutti. Questa è la mentalità che cerco di trasmettere da quando sono arrivato lo scorso anno, quando ci trovavamo ultimi in classifica a soli 6 punti e non era facile giocare sempre sul ciglio del burrone. Quindi questa è la filosofia che ci portiamo dietro dalla scorsa stagione e che stiamo mettendo in pratica anche quest’anno. La squadra ha ancora grandissimi margini di miglioramento, può crescere ancora tanto e questo è l’obiettivo che mi prefiggo di raggiungere nelle sedute di allenamento".

La prossima gara di campionato sarà il match casalingo contro il Lecce, che al momento ha solo un punto in più di voi. Che gara ci dobbiamo spettare?

"Il Lecce crea da anni squadre corazzate per la categoria, con giocatori molto forti per ogni reparto. E’ chiaro che il suo obiettivo è quello di ritornare subito in Serie A. Per questo, ci aspettiamo una partita difficile ai nastri di partenza. I giallorossi possono contare non solo su Di Mariano, ottimo giocatore, ma su tanti altri elementi molto forti e che fanno la differenza in questa categoria, come Coda, Lucioni, un difensore di tutto rispetto, e tanti altri. Noi manterremo sempre lo stesso atteggiamento: grande rispetto per tutti, in questo caso per il Lecce, una signora squadra, ma noi giocheremo in casa, ci teniamo a far bene e ci faremo trovare pronti per dare continuità di risultato".

L’attaccante Federico Dionisi è al secondo posto della classifica marcatori di Serie B. Che rapporto hai con lui? E’ un risultato che ti aspettavi, questo, dal momento che Dionisi è anagraficamente uno dei più grandi di questa classifica?

"Il rapporto con Federico è sempre stato ottimo. E’ un bravissimo calciatore, e questo non lo dico io, ma lo dimostra la sua carriera e il suo rendimento. Nonostante ciò, considerando le sue capacità e i suoi mezzi, io gli ripeto spesso che nella sua carriera ha ottenuto meno di quello che avrebbe meritato, e lui è d’accordo con me. Il nostro rapporto è trasparente. Dionisi è il nostro capitano, una guida per i giovani e un esempio quotidiano per tutti, dentro e fuori dal campo. Non mi meraviglio che sia al secondo posto della classifica dei marcatori: Federico è un giocatore top di questa categoria e può tranquillamente arrivare in doppia cifra, perché ha un bagaglio tecnico estroso. La chiave è allenarsi come si sta allenando da quando è qui con me, con allenamenti di grande intensità che gli consentono poi di essere brillante con i suoi mezzi tecnici".

Quali sono gli obiettivi dell’Ascoli per questa stagione?

"Per noi è sempre meglio ragionare sull’obiettivo a breve termine, ovvero la partita che di volta in volta ci apprestiamo a disputare. Quindi, il nostro obiettivo è essere competitivi con tutte le nostre avversarie. Al termine dell’andata, tireremo le somme e capiremo dove siamo e cosa abbiamo fatto per ripartire con il secondo giro di boa".

Un’esperienza per te significativa nelle vesti di giocatore e una nelle vesti di allenatore?

"Ce ne sono tante, sia da calciatore che da allenatore. Ora non vorrei risultare di parte, ma credo che il miglior risultato che ho raggiunto da allenatore sia stata la salvezza conquistata la scorsa stagione con l’Ascoli, perché non retrocedere dopo 6 punti in 14 giornate e salvarsi matematicamente alla penultima di campionato non è sicuramente facile".

 

CLICCA QUI PER INTERVISTA COMPLETA 

Andrea Sottil

Andrea Sottil

© Riproduzione riservata

Commenti

thealvaropugnaloni Osimo
giovedì 07 ottobre 2021

Onore a te...Grande Mister se penso all'ultimo campionato ancora mi viene i brividi ,del miracolo che hai fatto...Continua cosi Andrea che ci toglieremo tante belle soddisfazioni...F.A.C


Monte San Martino
sabato 09 ottobre 2021

Quando la difesa subisce non è solo colpa dei quattro giù dietro.. È anche colpa del centrocampo che che nn scalano e dei attaccanti che nn danno copertura o nn pressano sui reparti vuoti.... Anche se a mio parere ci vuole un difensore veloce centrale che sappia marcare e scalare all occorrenza... E una punta centrale che faccia a sportellate con i difensori