01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • Ascoli Time
  • Ascoli Calcio, Neri: “Con l'Udinese ci faremo rispettare. Stiamo monitorando una situazione in attacco”

Ascoli Calcio, Neri: “Con l'Udinese ci faremo rispettare. Stiamo monitorando una situazione in attacco”

di Redazione Picenotime

giovedì 12 agosto 2021

Il presidente dell'Ascoli Carlo Neri è stato intervistato da Sportmediaset.it alla vigilia del match contro l'Udinese in programma domani sera alle ore 20:45 alla "Dacia Arena" per i 32esimi di Coppa Italia (diretta tv in chiaro su Canale 20 Mediaset). 

"Come gestiamo l'emergenza Covid? Da diverso tempo ci siamo attrezzati molto bene seguendo le direttive della Federazione. Tutti i nostri giocatori sono vaccinati, e stiamo continuando a praticare tamponi nei tempi dettati dal regolamento. La situazione, facendo gli scongiuri, è sotto controllo. Per questo devo ringraziare anche il nostro staff sanitario - ha dichiarato Neri -. Udinese? Non siamo alle Olimpiadi, quindi l’essenziale non è partecipare, ma vincere (ndr ride). Abbiamo di fronte una delle maggiori realtà del panorama calcistico italiano. Una società che di certo non devo presentare io, di incredibile valore, ma ci faremo rispettare. La Coppa Italia è un torneo importantissimo che vogliamo onorare. Quello che auspico è che in futuro possa essere cambiata la formula: dovrebbero essere le squadre di categoria inferiore a giocare in casa, non il contrario. Favorirebbe non solo una maggiore incertezza ed equilibro, ma anche un maggiore afflusso di pubblico, con i tifosi invogliati dalla possibilità di vedere dal vivo i campioni delle big. La nostra squadra è ottima, abbiamo un progetto che è stato ispirato dal nostro patron Pulcinelli, un vero motivatore. La prima cosa che abbiamo fatto è la conferma di Andrea Sottil, il nostro vero grande acquisto. Poi abbiamo puntato su un direttore sportivo esperto e capace, Fabio Lupo. Così vogliamo migliorare i risultati degli ultimi due anni. Prendiamo i nuovi acquisti. Il 33enne Botteghin, che ha giocato per anni nel Feyenoord, ha sposato con entusiasmo il nostro progetto e si è fatto trovare molto preparato. Di livello superiore. L’ultimo acquisto, Caligara, 21enne, è secondo la società uno dei prospetti più interessanti in Italia. Con questo mix vogliamo presentarci in Coppa Italia e in Serie B con ambizioni. E questo ambizioni passano attraverso il lavoro, il lavoro e il lavoro. È quello che fa la differenza. Altri innesti? Stiamo monitorando una situazione in attacco che ci potrebbe dare qualcosa in più. Abbiamo ancora tempo, anche se la squadra già così la vedo molto bene - ha aggiunto Neri - Amichevole con il Napoli? La squadra l’ho vista motivata: quello che mi ha fatto molto piacere è che quando abbiamo incassato il primo gol del Napoli, abbiamo riportato subito la palla al centro per provare a recuperare. E così è stato, prima del 2-1 finale. Obiettivi stagionali? Dobbiamo mantenere i piedi per terra. Come disse il patron Pulcinelli riprendendo una frase di Boskov, 'Ascolano mai con piedi sulla terra. Ascolano o con piedi sotto terra con piedi sopra cielo'. Vogliamo fare meglio delle ultime due stagioni: non partiamo per la Serie A o i playoff, ma per mantenere il prima possibile la categoria. Ma non possiamo mettere limiti perché in campo si entra per vincere. Mister Sottil è un grande motivatore, quindi non ci saranno rilassamenti - ha evidenziato il presidente bianconero -. La riapertura degli stadi rappresenta un segnale forte per il ritorno alla normalità. Soprattutto per la Serie B sarebbe qualcosa di importante perché come dice Balata è il campionato delle città, dell’appartenenza, dell’unione sociale. Ad Ascoli, i bambini non fanno il tifo per Inter, Juve o Milan. Tifano Ascoli, sognano di esordire al Del Duca, non a San Siro. C’è grande coesione, tra squadra, città, territorio. Figuriamoci quanto potrebbe essere importante per noi il ritorno dei tifosi. Secondo me il tifo di Ascoli vale almeno 4 o 5 punti in più in campionato".

Lo stesso Neri, in merito al format della Coppa Italia, ha poi aggiunto attraverso il sito ufficiale del club bianconero: "Auspico una riforma che ponga attenzione sui club di categoria inferiore. Mi spiego meglio: bisognerebbe giocare in casa delle squadre provenienti dal campionato cadetto e non viceversa, perché questo da un lato garantirebbe maggiore equilibrio e, di conseguenza, maggiore incertezza del torneo in favore dello spettacolo, dall’altro lato favorirebbe l’afflusso di un gran numero di tifosi allo stadio, richiamati dal prestigio di vedere la propria squadra confrontarsi con quelle di massima serie”.


Massimo Pulcinelli e Carlo Neri

Massimo Pulcinelli e Carlo Neri

© Riproduzione riservata

Commenti

LORENZO CAPRIOTTI
giovedì 12 agosto 2021

TROPPO FORTE E SIMPATICO IL NOSTRO PRESIDENTE NERI , HAI RAGIONE STATE FACENDO UNA SQUADRA MOLTO FORTE, CON UNA PUNTA DI SPESSORE SAREMO UNA GRANDE REALTÀ PER LA CATEGORIA.


remo
giovedì 12 agosto 2021

belle parole presidente, dai che domani ci divertiamo, non abbiamo nulla da perdere e possiamo fare bella figura


Giovanni Gennaretti
giovedì 12 agosto 2021

Come se deve cadere in basso


In totale ci sono 8 commenti. Fai click sul pulsante per continuare la lettura o commentare l’articolo.